Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

covid-19

Vaccinazioni a Monte Isola, Redaelli: "Anci Lombardia è vicina alle realtà minori"

31 Maggio 2021

Un centro vaccinale per un'isola "covid free"

La campagna di vaccinazione della Lombardia ha raggiunto un importante risultato grazie alla collaborazione tra Asst Franciacorta, Areu, Protezione Civile Regionale, Protezione civile intercomunale della Comunità Montana Sebino Bresciano e Anci Lombardia, che ha permesso di vaccinare tutta la popolazione di Monte Isola.
Nel Comune che sorge in mezzo al lago d'Iseo, è stata attrezzata una struttura vaccinale in grado di portare i vaccini ai 1700 abitanti che vivono sull'isola: un intervento fondamentale che permetterà a questo territorio di avvicinarsi alla stagione estiva e al ritorno dei turisti.

La possibilità di diventare un'isola covid-free è stata salutata con favore dalla popolazione, come ha sottolineato il Sindaco Fiorello Turla descrivendo il momento come "un traguardo molto importante per noi, per i montisolani e per tutti i turisti che potranno godere l'estate in sicurezza".
Anci Lombardia è stata presente, proseguendo “la campagna di sostegno ai piccoli Comuni per la vaccinazione dei centri minori. Qui a Monte Isola è partita un’iniziativa per rendere la popolazione libera da covid. Penso che sia una tappa importante, che conferma la vicinanza della nostra Associazione a tutte quelle realtà che sembrano minori ma rappresentano le peculiarità della nostra Regione. Il nostro impegno verso questi piccoli comuni prosegue quotidianamente e riteniamo che queste uscite esterne siano la prova che Anci Lombardia è vicina ai suoi soci.” Ha affermato il Segretario Generale Rinaldo Mario Redaelli.

Approntare un servizio così decisivo su un'isola non è stato però facile.
Come ha descritto Alberto Bruno, della Struttura vaccinazioni covid della Protezione Civile di Regione Lombardia, "ci sono delle facilità e delle difficoltà: qui tutti si conoscono, la comunità è piccola e quindi è molto facile recuperare le persone che devono essere vaccinate. La difficoltà è tutta la logistica del trasporto, dell'arrivo sul territorio e della struttura sanitaria che ci portiamo dietro. Il gruppo locale di protezione civile è molto efficiente e si è rivelato subito molto attivo e quindi diamo riusciti a montare una struttura che può essere di supporto alla parte sanitaria."
Dietro questa azione c'è il gioco di un team che ha fatto nascere un vero spirito di squadra, capace di determinare la buona riuscita dell'impresa di portare i vaccini a chi non può allontanarsi da casa o nelle zone più complesse della regione, un risultato che si percepisce nella soddisfazione di Claudio Mare, Direttore AAT di AREU, per il quale "il bilancio di queste settimane è molto positivo perchè siamo riusciti a vaccinare le persone a domicilio che non potevano spostarsi e siamo andati nei piccoli paesi con i nostri camper. Oggi siamo qui con 10 linee vaccinali." 

A fare il punto sul sistema vaccinale regionale, tra grandi hub e piccoli centri, è intervenuto il Commissario regionale Guido Bertolaso, che ha evidenziato come “abbiamo fatto una scelta vincente perché non lontano da qui, nella terraferma, abbiamo l’hub più importante di tutta la Lombardia: quello alla Fiera di Brescia. Tutti si sono resi conto di quanto fosse importante concentrare la fase delle vaccinazioni massive in luoghi davvero capienti dove tutti potessero andare in massima sicurezza. Ci sarà una seconda fase, dove dovremo vaccinare per i richiami e queste piccole realtà saranno molto più importanti. Non potremo di nuovo rifarci alla vaccinazione massiva ma sarà un programma più meditato e organizzato, capillare su tutto il territorio e più a lungo termine dove i medici di famiglia, i pediatri di libera scelta, i farmacisti, svolgeranno un ruolo fondamentale.”

ANCI Lombardia © 2021  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961