Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

PNRR

PNRR, Lucio de Luca: Occasione straordinaria per i Comuni, ma necessarie competenze e chiarezza sulle modalità di accesso ai fondi

26 Novembre 2021

Il vicepresidente di Anci Lombardia interviene al seminario organizzato dalla I° Commissione Bilancio del Consiglio Regionale

Si è tenuto oggi presso la Sala Gaber del Consiglio Regionale della Lombardia il seminario “Next Generation EU, strumenti, risorse e opportunità per lo sviluppo della Lombardia, organizzato dalla I Commissione consiliare Programmazione e Bilancio con il Presidente Giulio Gallera. Un seminario organizzato per cogliere a pieno tutte le prerogative e le opportunità del PNRR, e destinato oltre che ai Consiglieri regionali, a tutti gli Amministratori locali della Lombardia e agli stakeholder di riferimento.

In apertura dei lavori è intervenuto il Presidente del Consiglio Regionale Alessandro Fermi che si è soffermato sull’importanza delle missioni proposte dal PNRR e ha evidenziato un tema su quale porre attenzione, ovvero il disallineamento tra il sistema dell’istruzione e il mercato del lavoro. Per il Presidente Fermi la sfida più importante sarà quella ambientale anche se forte è la preoccupazione per le ridotte risorse messe a disposizione. Il monito del Presidente Fermi è quello di mantenere l’interesse per il livello economico al pari di quello per l’ambiente.

Per il Presidente di Confindustria Lombardia Francesco Buzzella la transizione verde riguarda prima di tutto la transizione tecnologica. “Purtroppo – ha spiegato – non sarà facile colmare il disallineamento tra studi e mondo del lavoro, ma bisogna tenere a mente che una transizione tecnologica ha bisogno di tecnici che ad oggi mancano. Oggi più che mai sono importanti le risorse umane senza le quali ci saranno problemi per la messa a terra delle risorse”.

Per Anci Lombardia è intervenuto il Vicepresidente Lucio de Luca: “Le risorse in arrivo – ha detto - sono risorse importanti che ci permetteranno di costruire l’Europa delle nuove generazioni. In occasione dell’ultima Assemblea nazionale di Anci – ha ricordato de Luca - il Presidente Decaro ha definito il PNRR una straordinaria occasione, sottolineando la necessità di non guardare indietro ma di proiettarsi nell’Italia del 2030-2060. Gli Enti Locali sono il volto delle istituzioni ed espressione dello Stato. I Comuni, in particolare sono i soggetti che hanno la maggior capacità di spesa: nel 2019 hanno effettuato il 25% in più degli investimenti, nel 2020 il 20% in più rispetto al 2018. Con le risorse in arrivo si troveranno a gestire circa 70 miliardi, perché tanti temi, come quello legato al sociale o alla transizione tecnologica ricadono sui territori. Per gestire tutto questo sono necessarie competenze e chiarezza sulle modalità di accesso ai fondi. Anci Lombardia propone e chiede di valorizzare la progettualità esistente, senza dimenticate che circa il 70% circa dei Comuni lombardi sono piccoli Comuni con personale ridotto. Come Anci Lombardia insieme a Regione stiamo lavorando alla valutazione dei professionisti che arriveranno negli enti locali con il PNRR e oltre che ai centri di competenza per offrire professionalità specifiche. Ricordo infine – ha concluso – che fallire gli obiettivi del PNRR significherà portare via qualcosa alle future generazioni”.

Ha portato un saluto anche il Presidente del Consiglio delle Autonomie Locali Gianni Rossoni per il quale bisogna interrogarsi come fare atterrare le risorse sui territori e come gli Enti Locali possano essere protagonisti nella gestione delle risorse. Per Rossoni è necessaria una forte collaborazione tra Regione Lombardia e gli Enti Locali per trovare le modalità più adatte per far atterrare le risorse del PNRR, quelle della programmazione europea 21-27 e quello dello Stato per massimizzare e non disperdere. “Abbiamo proposto – ha spiegato – una cabina di regia di raccordo e coinvolgimento dei territori”. Il Presidente del CAL ha anche sottolineato la necessità di lavorare “per superare le disuguaglianze e valorizzare i territori grazie agli accordi di programma. Il Cal quale ente di raccordo potrebbe essere il luogo di parere consultivo”.

Anche l’Assessore al Bilancio e Finanza di Regione Lombardia Davide Caparini è intervenuto nel dibattito. Per Caparini c’è difficolta da parte dei ministeri a mettere in campo una programmazione che coinvolga le Regioni, una difficoltà anche culturale. È in questa ottica che Regione Lombardia ha costituito la cabina di regia, con caratteristiche tecniche, con il coinvolgimento di Anci, Upi e Upl “perché crediamo nella concertazione e abbiamo un ottimo colloquio con il CAL. Crediamo che gli interventi passino dalla concertazione, dalla programmazione e dalla condivisione”. L’Assessore Caparini ha inoltre sottolineato il lavoro fatto da Regione con le leggi di semplificazione per prepararsi al Piano Lombardia.

Grazie alla collaborazione di “PoliS Lombardia” e “The European House – Ambro-setti”, nel corso del seminario sono state analizzate le misure economiche e le linee d’intervento inserite nel PNRR, sono stati evidenziati quali risvolti pratici e concreti esse potranno generare per le comunità locali, valutandone i relativi impatti di natura economica e occupazionale. Nel corso dei lavori sono state altresì approfondite le competenze specifiche degli Enti territoriali, con un’attenzione particolare sulle modalità e sugli strumenti attraverso i quali queste opportunità possono essere meglio sviluppate.

 

ANCI Lombardia © 2022  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961