Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

COVID-19

Stati Generali Patto per lo Sviluppo, Ghilardi: Ripartire in sicurezza dai territori e dai Comuni

17 Aprile 2020

Chiesto a Regione maggiore coinvolgimento dei Sindaci

“Per non vanificare l’impegno e gli sforzi dei cittadini, di Regione e dei Comuni che nell’emergenza hanno assunto responsabilità davvero significative affiancando le istituzioni nelle scelte, è assolutamente necessario ripartire con sicurezza e dai territori. I Comuni che hanno già svolto un ruolo determinante nella fase emergenziale, possono e devono essere al fianco dei cittadini per ripartire con responsabilità. A Regione chiediamo un maggiore coinvolgimento dei Comuni e dei territori nelle azioni e nelle decisioni in vista della riapertura”.

Così il Vice Presidente di Anci Lombardia e Sindaco di Cinisello Balsamo Giacomo Ghilardi ha sintetizzato le richieste di Anci Lombardia agli Stati Generali del Patto per lo Sviluppo della Regione Lombardia, che si sono tenuti questa mattina in videoconferenza.

Anci Lombardia ha condiviso pienamente i temi emersi sul tavolo del Patto dello Sviluppo, con particolare riguardo la sicurezza sanitaria. “E’ da lì che bisogna ripartire – ha spiegato Ghilardi - tenendo ben presente che la nostra regione è la più colpita dall’emergenza coronavirus e che i casi non si sono ancora fermati. E questo è bene ricordarlo anche fuori dai confini lombardi”.

“Al primo posto però ci sia la sicurezza. Anci Lombardia – ha spiegato – ha svolto ruolo determinate nella fase emergenziale perché i Comuni sono il presidio più prossimo ai cittadini e per questo in grado di veicolare e spiegare al meglio le decisioni che vengono prese per fare in modo che vengano seguite e rispettate. Per questa ragione riteniamo necessario uno sforzo in più nel coinvolgimento di Anci Lombardia e dei Comuni, specie nelle decisioni territoriali.

Penso per esempio alle USCA, dove riteniamo sia assolutamente necessario che ci sia una rappresentanza dei Comuni e degli Ambiti Territoriali al fine di creare una vera e propria cabina di regia con Medici di medicina generale, infermieri, territori e istituzioni. Occorre, inoltre, per ripartire in sicurezza, prevedere più USCA in ogni ASST, e in ogni caso, in numero sufficiente a coprire efficacemente tutto il fabbisogno dei diversi territori lombardi. Bene l’avvio dei test sierologici, ma anche in questo caso abbiamo bisogno di maggiori informazioni perché l’azione di Regione e Comuni sia uniforme e ai cittadini arrivino risposte chiare e concrete. Mentre sui progetti post degenza, come quello avviato a Milano, è necessario prevedere iter burocratici più snelli perché anche i Comuni più piccoli siano nelle condizioni di attivarli”.

“Siamo assolutamente convinti - ha concluso - che anche nella fase della ripartenza i Comuni e territori avranno un ruolo centrale e determinante e chiediamo a Regione che, come fatto sin qui, continui a coinvolgerci in maniera adeguata. Riteniamo, infatti, che sia proprio dai territori che si debba ripartire con responsabilità. I Comuni sono punto di riferimento non solo per la sanità territoriale, ma anche per le famiglie, le scuole pubbliche e paritarie, gli artigiani, i commercianti, il terzo settore che ha svolto un ruolo importante nell’emergenza, e molti altri settori. Siamo pronti a supportarli ma ricordiamo che per farlo sono necessari maggiori risorse per poter garantire in futuro il corretto funzionamento dei servizi”.

ANCI Lombardia © 2022  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961