Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

SCUOLA

Dimensionamento scolastico, Anci Lombardia: “Scuole ambiti di aggregazione da valorizzare”

21 Agosto 2019

Incontro nell’Oltrepo’ mantovano

Un’alleanza tra istituzioni che intendono valorizzare il loro territorio e offrire una prospettiva di sviluppo e di futuro ai cittadini dell’Oltrepo’ mantovano, partendo dalle scuole. Questo il senso dell’incontro che si è svolto il 20 agosto presso il Municipio di San Giovanni Del Dosso, tra numerosi amministratori, rappresentanti delle scuole locali e ANCI Lombardia.

Per i Comuni erano presenti gli Amministratori di Poggio Rusco, Quistello, Sermide e Felonica, Magnacavallo, Borgo Mantovano, Quingentole, San Giacomo delle Segnate, Sustinente, Ostiglia, Schivenoglia, Borgocarbonara e Serravalle a Po. Sono intervenuti anche i rappresentanti degli Istituti Comprensivi della zona.

Per ANCI Lombardia erano presenti il Presidente del Dipartimento Istruzione, Pierfranco Maffè e la Coordinatrice Vismara.

Ha aperto i lavori il Sindaco di San Giovanni Del Dosso, Angela Zibordi, che ha illustrato la situazione delle scuole del territorio. Sono quindi intervenuti gli Amministratori locali e i Dirigenti scolastici presenti.

Dopo il convegno tenuto in Regione lo scorso 9 luglio sul dimensionamento scolastico, in diversi territori si è aperto un confronto su come far fronte al problema dei prevedibili tagli agli organici del Personale scolastico, alla luce del fenomeno della denatalità, che compromette il futuro di numerose scuole lombarde. Nel territorio dell’Oltrepo’ mantovano inoltre, le criticità si assommano alle problematiche della gestione del dopo terremoto: dal 2012, infatti, gli Amministratori locali si sono impegnati nella messa in sicurezza degli edifici pubblici, tra cui le scuole e, paradossalmente, dopo gli ingenti investimenti e le ristrutturazioni quasi completate, si devono fare i conti con i dati del calo demografico, che interessano tutte le scuole d’Italia ma che in questa realtà incidono pesantemente sul futuro dei servizi in genere e non solo delle scuole. Molti giovani, infatti, stanno abbandonando questi territori, in cerca di maggiori certezze, in cerca di lavoro, di servizi e di futuro.

Le indicazioni regionali sul dimensionamento scolastico prevedono che, entro il 31 ottobre 2019, vengano inviate in Regione le proposte di accorpamento dei plessi, alla luce dei parametri stabiliti (minimo 600 alunni, pena la non assegnazione del Dirigente scolastico a tempo indeterminato, oppure 400 alunni nelle aree montane e piccole isole). Ma, oltre a questo, vi è il rischio che non vengano assegnati i docenti alle classi, se non si raggiungono i minimi previste dalle norme.

“Le scuole non sono solo centri di erogazione di un servizio – ha dichiarato il Presidente Maffè – Nei Comuni, soprattutto se di minore dimensione demografica, le scuole sono ambiti di aggregazione anche per gli adulti, sono un riferimento per la comunità. Questo incontro in pieno agosto dice tutta la preoccupazione dei Comuni e il loro impegno per far valere le condizioni straordinarie di questo territorio colpito dal sisma, nel quale però gli Amministratori locali hanno dimostrato capacità di reazione, voglia di ricominciare e impegno per il futuro. 

Per questo ANCI Lombardia è vicina ai Comuni dell’Oltrepo’ mantovano e sostiene le loro ragioni, non soltanto rispetto alla questione della scuola ma anche rispetto a come valorizzare le potenzialità di un territorio, alla capacità di attrarre giovani e offrire opportunità di crescita e sviluppo. E’ una sfida importante, che si può vincere solo con un’alleanza forte tra istituzioni, compresi Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale”.

L’incontro si è concluso con l’impegno dei presenti a costituire un gruppo di lavoro per elaborare una proposta che, alla luce delle considerazioni emerse dal confronto, sia rispettosa delle norme vigenti, ma consenta di valorizzare l’ottimo lavoro svolto dai Comuni, offrendo prospettive positive e ragionate.

ANCI Lombardia © 2019  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961