Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Accedi
NOTIZIE

Europa

Cittadini ed Europa, a Desio l'incontro con gli studenti

12 Aprile 2019

Corti: capire l'Europa per "tutelare al meglio l'interesse collettivo"

Si avvicinano le elezioni europee, in uno contesto dove "il futuro dell'Europa appare incerto", dove si intravede che, dopo decenni "di prosperità, i prossimi anni saranno impegnativi. Per questo abbiamo aderito volentieri alla proposta della Rappresentanza Italiana della Commissione Europea e di Anci Lombardia per promuovere un incontro con cittadini e giovani per informare sul ruolo e le funzioni del Parlamento Europeo". Con il saluto di Rocco Cecchetti, Presidente del Consiglio Comunale, si è aperto a Desio il Consiglio Comunale dedicato ai temi europei.
Ospiti d'eccezione in sala, oltre a diversi cittadini, gli studenti iscritti all'ultimo anno del Liceo scientifico Majorana e della Scuola di formazione professionale del Consorzio Desio Brianza, quest'ultimi accompagnati dalla Preside Marinella Confalonieri che ha evidenziato come i ragazzi, "di fronte al loro primo appuntamento con il voto, chiedono e vogliono sapere cosa siano le istituzioni europee".

Rinaldo Redaelli, Segretario generale di Anci Lombardia, ha motivato l'iniziativa considerando come "non esiste Europa senza Comuni e Comunità, e questi necessitano dell'impegno dei cittadini". Rivolgendosi in particolare ai giovani Redaelli li ha invitati a "sentire come un dovere fondamentale" la partecipazione alla cosa pubblica, "anche perchè oggi abbiamo il bisogno di ringiovanire chi è impegnato nell'amministrazione della città, in un'attività di vero volontariato".

A parlare di Europa è intervenuto Massimo Gaudina, Capo della Rappresentanza Italiana della Commissione Europea, che ha annunciato come quello di Desio è "il primo Consiglio Comunale aperto dedicato all'Europa organizzato in Lombardia"; evidenziando che "l'Europa entra nei Consigli Comunali perché Desio, come gli altri Comuni, è Europa". 
"A cosa serve l'Europa?", si è chiesto il Capo Rappresentanza, sottolineando come "la pace è la prima certezza" e come "poi abbiamo molte sfide: quella del cambiamento climatico, della scienza, del lavoro, dell'economia, ... ed è difficile pensare che i 28 paesi europei possano affrontare da soli questi problemi e cogliere le opportunità che si aprono nel confronto internazionale".
Gaudina ha affrontato le perplessità che oggi riguardano le istituzioni comunitarie, sostenendo che "si parla di Europa dell'austerità perché si guarda troppo poco all'Europa delle opportunità, che ha aperto le porte ai giovani, all'economia e alla sicurezza". Oggi la sfida è quella di "vincere le fake news" contro le istituzioni e per raggiungere questo è necessario sostenere un "impegno europeo non solo in occasione delle elezioni ma anche nella quotidianità, per una maggiore consapevolezza europea". 

Lo spazio delle domande degli studenti ha visto Simone sottolineare la mancanza di informazioni in merito alle istituzioni europe, "come mai? Più informazione incentiva l'interesse civico"; Manuel ha chiesto informazioni sul "lavoro e il tirocinio a livello europeo"; Giacomo invece ha interrogato i relatori sulla "integrazione dell'Europa con gli Stati di altri continenti". Infine alcuni cittadini hanno posto l'attenzione sulla necessità di far cogliere all'Italia le opportunità europee, soprattutto partecipando a progetti.
Gaudina e Redaelli, rispondendo, hanno ricordato il Servizio volontario europeo; lo strumento Europdirect per ottenere informazione; l'anima europea quale laboratorio unico per l'integrazione democratica dei Paesi, modello nel mondo, e il progetto Seav, portato avanti da Anci Lombardia per aiutare gli Enti locali a cogliere le opportunità europee.

In conclusione è intervenuto il Sindaco Roberto Corti, che in merito alle prossime elezioni ha evidenziato come "tutti i movimenti che partecipano al voto vogliono riformare l'Europa ma ognuno in modo diverso", sarà quindi  importante "chiedersi come", per capire quale scelta attuare al fine di "tutelare al meglio l'interesse collettivo".

ANCI Lombardia © 2019  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961