Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

Welfare

Protocollo immigrazione, Trezzi e Bernardi: "misura fondamentale per regole e limiti al sistema di accoglienza"

18 Maggio 2017

Firmato in Prefettura a Milano l'accordo Città Metropolitana - Ministero dell'Interno

"I Comuni della Città Metropolitana di Milano hanno firmato oggi un protocollo di intesa con il Ministero dell'Interno che stabilisce regole e modalità in merito all’accoglienza dei profughi e dei richiedenti asilo nei territori. La firma di questo documento, che si basa sulla volontaria adesione delle singole amministrazioni comunali, assicura un’accoglienza equilibrata, sostenibile e diffusa dei richiedenti asilo. Grazie all'accordo, inoltre, viene data attuazione al Piano ministeriale di ripartizione definito alcuni mesi fa con l'Anci, che prevede l'attivazione di una clausola di salvaguardia a seguito dell'adesione volontaria dei Comuni al sistema SPRAR. In questo modo, ai Comuni aderenti allo SPRAR, sarà assegnato un numero di richiedenti asilo proporzionato alla popolazione residente, nella misura massima del 2,5/3 per mille. Infine, il Ministero si impegna a ridurre di un ulteriore 50% la quota di immigrati spettanti ai Comuni aderenti all'intesa. Si tratta di un importante passo per regolamentare l'accoglienza dei migranti". Queste le dichiarazioni di Siria Trezzi, Vice Presidente di Anci Lombardia e Sindaco di Cinisello Balsamo, in occasione della firma del Protocollo sull'accoglienza dei profughi tra i Comuni della Città Metropolitana e il Ministero dell'Interno avvenuta questa mattina presso la Prefettura di Milano.

L’evento è stato commentato anche da Federica Bernardi, vice Presidente di Anci Lombardia, che ha considerato come l’accordo sia “una misura fondamentale, che pone delle regole e dei limiti al sistema di accoglienza, come più volte richiesto dall’Anci, e fornisce garanzie alle amministrazioni comunali e ai cittadini. Anci Lombardia continuerà a monitorare la situazione, raccogliendo le istanze dei sindaci per fare in modo che si affermi un sistema diffuso ed equilibrato di accoglienza".

ANCI Lombardia © 2017  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961