Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
CIRCOLARI

Circolare n. 152/18

Informativa REI 18 - Chiarimenti Inps sui requisiti familiari

16 Maggio 2018

Circolare n. 152/18

Milano, 16 maggio 2018
Prot. n. 2009/18
Circolare n. 152/18
Ai Sindaci
Agli Assessori al Welfare
Ai Dirigenti / Responsabili Servizi Sociali
Agli Organi di Anci Lombardia

Oggetto: Informativa REI 18 - Chiarimenti Inps sui requisiti familiari

Gentilissimi,
Vi trasmettiamo il Messaggio INPS n. 1972 dell’11 maggio 2018, con il quale l’istituto fornisce chiarimenti in merito alle modalità di applicazione delle novità introdotte dalla legge di Bilancio riguardanti l’abrogazione dei requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare per accedere al REI.
Il Ministero del Lavoro, con propria nota n. 4292 del 10 aprile 2018 aveva chiarito che il beneficio economico connesso al REI potrà essere percepito sin dal mese di luglio 2018; poiché il beneficio REI decorre dal mese successivo a quello in cui è presentata la richiesta, l’abrogazione dei requisiti relativi alla composizione del nucleo familiare opererà a partire dalle domande presentate dal 1° giugno 2018.
Il Messaggio INPS va quindi a modificare il paragrafo “2.2. Modifiche con decorrenza 1 luglio 2018” della circolare n. 57, che Vi abbiamo trasmesso in allegato alla “Informativa REI 17” del 30 marzo scorso.
L’INPS effettuerà d’ufficio il riesame di tutte le domande REI presentate nel corso del 2018 fino al 31 maggio (in possesso di DSU 2018) che non siano state accolte per la mancanza dei requisiti familiari.
Vi trasmettiamo inoltre la nota del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 5070 del 2 maggio 2018, con la quale vengono forniti chiarimenti sui criteri di accesso al REI con particolare riferimento ai cittadini di stati terzi richiedenti protezione umanitaria, in risposta ad una sollecitazione in tal senso sottoposta da ANCI al Ministero, considerati i numerosi quesiti posti in merito dai Comuni. 
Nella nota, dopo una puntuale disamina della normativa di riferimento si conclude che “la risposta ai quesiti posti dalle amministrazioni comunali circa la possibilità di ricomprendere i titolari di protezione umanitaria tra i possibili beneficiari del Rei, non può che essere di segno negativo, tenuto conto che quest'ultima misura ben può essere annoverata tra le provvidenze economiche che costituiscono diritti soggettivi in base alla legislazione vigente in materia di servizi sociali - in quanto qualificato espressamente quale livello essenziale delle prestazioni, ai sensi dell’art. 117, secondo comma, lettera m) della Costituzione, dall’art. 2, comma 13, del D. Lgs. n. 147/2017 - e, quindi, riservata ai soggiornanti di lungo periodo.”

Cordiali saluti
Graziano Pirotta
Presidente Dipartimento Welfare, Immigrazione, Sanità, Disabilità di ANCI Lombardia

ANCI Lombardia © 2018  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961