Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
NOTIZIE

BILANCIO SOCIALE

15 Uffici postali salvati dalla chiusura

9 Gennaio 2017

Ottenute le modifiche al Piano di razionalizzazione richieste dai Comuni

Ottenute le modifiche al Piano di razionalizzazione richieste dai Comuni

Risultati:

15 Uffici postali salvati dalla chiusura nei territori con maggiori esigenze
Approvate le modifiche - richieste dai Comuni e presentate da ANCI Lombardia - al Piano di razionalizzazione
Avviata la collaborazione tra Regione Lombardia, Poste Italiane e ANCI Lombardia per lo sviluppo di progetti, anche a valenza sociale, su temi di interesse comune

Il Piano di tagli e razionalizzazioni di Poste italiane, presentato nel febbraio 2012 , prevedeva la chiusura di  61 uffici postali e la riorganizzazione delle aperture di altri 121 sportelli lombardi. ANCI Lombardia è intervenuta coinvolgendo tutti i Comuni interessati, chiedendo loro di avanzare proposte alternative.

Su richiesta di ANCI Lombardia, il Consiglio Regionale ha istituito un Tavolo ragionale, a cui hanno partecipato i rappresentanti di Comuni, Province, ANCI Lombardia, UPL e Poste italiane, insieme all'Assessore al Commercio, Turismo e Terziario della Regione Lombardia Mauro Parolini (in qualità di presidente del Comitato regionale Consumatori e Utenti) e altri rappresentanti della Regione.

La proposta di modifica al Piano è stata elaborata a partire dalla valutazione dell’attuale funzionamento degli sportelli oggetto di riforma, in modo da rimettere al centro le esigenze delle Comunità. Tra le dimensioni prese in considerazione: i Comuni recentemente oggetto di fusione, la presenza o assenza di sportelli bancari nello stesso Comune, la distanza rispetto a un altro ufficio postale e la disponibilità delle linee di trasporto pubblico locale. Per le razionalizzazioni delle aperture - comunque ritenute meno critiche - sono state considerate invece situazioni particolari come giornate di mercato, le eventuali chiusure nei Comuni limitrofi e l’appartenenza del Comuni e all’elenco di quelli turistici.

Grazie al lavoro di ANCI Lombardia e alla collaborazione di Poste Italiane, si sono mantenuti 15 degli sportelli inizialmente da chiudere. In aggiunta, una collaborazione tra ANCI Lombardia e Poste Italiane su progetti sperimentali, anche a valenza sociale, è attualmente in discussione tra il Presidente Roberto Maroni e l’Amministratore Delegato di Poste Italiane Francesco Caio.

 

ANCI Lombardia © 2017  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961